Seleziona una pagina

Firenze è una città affascinante, ricca di cose da fare e altrettante da mangiare. Chi dice di conoscere già Firenze, si sbaglia perché, nonostante la forte anima rinascimentale, è una città viva che cerca di affacciarsi al futuro e che in tutti questi anni ancora non posso dire di conoscere.
Ho pensato di suggerirvi un itinerario poco scontato: non la solita Firenze, da vedere in un giorno.
Vi porto in alcuni dei luoghi che preferisco. Via che si va!

Dove mangiare a Firenze

Partiamo coi consigli sul mangiare, perché a pancia piena si affronta meglio qualsiasi cosa. Per la colazione o un centrifugato al pomeriggio La Ménagére è il posto che fa per voi. È un luogo estremamente instagrammabile, dove comprare fiori freschi e fermarsi a riposare a due passi dalla Chiesa di San Lorenzo.

Per un panino al lampredotto doc vi consiglio uno dei trippai del centro come ad esempio Simone in Piazza de’Nerli (Oltrarno) o I’Trippaio di Firenze in Sant’Ambrogio.
Se invece preferite un pranzo seduti, Il Borro Tuscan Bistro è una buona scelta per provare la cucina dello chef Andrea Campani a base di prodotti genuini del territorio, con un mix di creatività e tradizione a due passi da Ponte Vecchio.

Per il pranzo o la cena a base di bistecca alla fiorentina, il ristorante Boccanegra è un must. A due passi da Piazza Santa Croce, offre tre diversi ambienti e menu tutti a base di qualità e cortesia: non a caso è stato recentemente incluso tra i migliori ristoranti di Firenze dove mangiare la bistecca.

Per un aperitivo o un bicchier di vino Osteria delle Brache a due passi da Santa Croce. Hanno rimesso in funzione una tradizionale buchetta del vino: Firenze è piena di queste buchette, o finestrini, che venivano utilizzate per la vendita di vino al fiasco nei secoli passati. Oggi all’osteria viene usata per vendita di cocktail o vino al bicchiere.

Vista d’autore a Firenze

Non mi stanco mai della vista di Firenze, né del suo skyline. Uno dei panorami più belli è quello da Giardino Bardini che offre scorci bellissimi della città. Se programmate la visita tra aprile e inizio maggio potete anche godere dello spettacolo della fioritura del glicine, che è meglio della ciliegina sulla torta.

Per una vista d’eccezione è possibile accedere alle terrazze del Duomo di Firenze, che hanno aperto al pubblico su prenotazione con un biglietto speciale. La vista della Cupola e della città dalle terrazze della cattedrale è da togliere il fiato, provare per credere.

Un’altra vista mozzafiato è quella che si gode dalla Torre di Arnolfo, che si erge alta su Palazzo Vecchio. Vi si accede col biglietto del Museo di Palazzo Vecchio, che consiglio di visitare per non perdere la magnificenza dei suoi affreschi (come quelli di Vasari nel Salone dei Cinquecento) e degli scorci che offre su Firenze (come la vista della Cupola dalla Sala dell’Udienza). Vi consiglio di aspettare il tramonto sulla torre o sul camminamento di ronda.

Firenze contemporanea

L’arte contemporanea sta diventando sempre più interessante a Firenze, grazie anche all’apertura al pubblico della Collezione Roberto Casamonti, che raccoglie tante opere d’arte di artisti internazionali come Balla, Boccioni, Kandinsky, Picasso, Klee e tanti altri.

Una visita a Palazzo Strozzi è fortemente consigliata perché ospita sempre almeno una mostra di arte contemporanea; negli ultimi anni ha esposto le opere di artisti come Marina Abramović e Tomas Saraceno.

Ultimo, ma non meno importante, il Museo del Novecento che ospita spesso mostre molto interessanti, oltre ad una collezione permanente di arte italiana del XX e XXI secolo.

Souvenir da Firenze

Per piatti e stampe originali con l’immagine del David di Michelangelo, Dante Alighieri o frammenti architettonici di Firenze, consiglio la bottega Obo Firenze in zona Porta Romana è la bottega che cercate.

Per portarvi a casa gli originali biscotti con le mandorle del Biscottificio Mattei vi consiglio una visita al Museo-bottega in via Porta Rossa, a due passi dal Porcellino dove esprimere un desiderio.

Per ingredienti freschi delle aziende agricole fiorentine e toscane una visita al Mercato coperto di Sant’Ambrogio, aperto tutte le mattine escluso la domenica. Nella piazza antistante (Piazza Annigoni) fate un giro anche tra i negozi del mercato delle pulci, dove si possono trovare piccoli tesori.

Un bacio da Firenze

Firenze l’è piccina, ma non si finisce mai di conoscere. Se avete voglia di approfondire la mia città ho scritto Firenze With Gusto, dove trovate tante altre informazioni utili. Vi aspetto a Firenze, scrivetemi se venite!

Autore

Valentina Dainelli
Valentina Dainelli
Classe 1980, colorata, tonda, decisamente toomuch. Nel 2011 è nato il blog TooMuchTuscany, dove racconto la mia Toscana, quella in cui sono nata e cresciuta.
Da due anni ho fondato Lo Studio, una piccola Digital Agency nel verde e ridente Mugello dove abito dal 2011.
Mi trovate spesso a fotografare cose in giro per il Mugello o la Toscana, per TooMuchTuscany, ma anche per i clienti della mia agenzia tra cui l’Ufficio Turismo dell’Unione dei Comuni Montani del Mugello.